expand_less

Eisacktal

   

Vacanze a Barbiano in Alto Adige

Il paese della Valle Isarco con la torre pendente

Situata nella parte meridionale della Valle Isarco, la località di Barbiano si presenta ai suoi visitatori come un piccolo ma idilliaco paradiso per le vacanze. Con i suoi tre pittoreschi borghi Colma, Sant'Ingenuo e Bagni Trechiese, il comune si estende per oltre 1.800 metri di altitudine, dal fondo valle fino al Corno di Renon. Ed è proprio questa grande estensione geografica, che include diverse zone vegetative, il motivo per il quale Barbiano in Alto Adige offre ai suoi ospiti una vacanza in montagna all'insegna della varietà. Sono numerosi qui i sentieri e le passeggiate, che consentono di scoprire da vicino il caratteristico paesaggio naturale della Valle Isarco e delle Dolomiti.
 
Godetevi lo spettacolo naturale da sogno offerto dal percorso lungo il rio Gander, oppure seguite l'avventuroso sentiero che conduce alle cascate di Barbiano. In estate, ma poi soprattutto per la vostra vacanza autunnale, consigliamo l'escursione lungo il "Sentiero delle Castagne", che non potrà che concludersi con una spassosa "Törggelepartie”, ovvero una degustazione di castagne e vino novello. 
 
Anche gli amanti della cultura troveranno a Barbiano più di qualche tesoro da scoprire.  Numerose cappelle e chiese, ma anche l'imponente Castello Friedburg, che per un lungo periodo fungeva da stazione di dogana, sapranno soddisfare chi desidera conoscere il lato culturale di questa zona. Una chicca, per quanto riguarda le bellezze architettoniche, è sicuramente il leggendario campanile della chiesa parrocchiale di Barbiano, che si staglia nel cielo tutto pendente su un lato. Si dice addirittura che sia più inclinato della famosa “Torre di Pisa”.

scopri di più

Alloggi a Barbiano

Alcune informazioni
Abitanti: 1.688
Altitudine s.l.m.: 836 m (centro)
Distanza da Bressanone: 27,4 km

Centro comunale di Barbiano

 

Il pittoresco borgo Bagni Tre Chiese

Il borgo Bagni Trechiese, chiuso al traffico, è sorto tra il XIII e il XVI secolo in una piccola radura in mezzo al bosco. Tre piccole cappelli, collegate tra di loro da un tetto con scandole in legno, sono state costruite qui nel posto di un antico luogo di culto pagano, probabilmente dedicato alle divinità delle sorgenti. Nel 1237 viene documentata per la prima volta la più grande delle tre chiesette, dedicata a Santa Geltrude. Le altre due chiesette sono intestate a San Nicola e a Santa Magdalena. Tutte e tre le chiese sono dei veri gioielli artistici, ospitano trittici gotici e sono riccamente decorate con affreschi tardo-medioevali della scuola di Bressanone. Nelle immediate vicinanze delle chiese si trovano alcune case e una locanda risalente al 1315, nella quale in passato trascorsero le loro vacanze noti personaggi, come il famoso scrittore e poeta tedesco Christian Morgenstern e il fondatore della psicanalisi moderna Sigmund Freud.


Istantanea di Barbiano


Venite a conoscere meglio la Valle Isarco